Home Attualità Scaduti i termini, la Piscina Comunale di Avellino sara’ sottratta ai Cesaro

Scaduti i termini, la Piscina Comunale di Avellino sara’ sottratta ai Cesaro

I quindici giorni di tempo concessi dal Comune di Avellino alla famiglia Cesaro per presentare un credibile piano di rientro dei debiti sono trascorsi infruttuosamente. La Polisportiva non potra’ d’ora in poi gestire la struttura in quanto ha accumulato 800mila di debiti  verso il Credito Sportivo. A fronte di cio’ la societa’dei Cesaro voleva tamponare con l’esborso di 400mila euro in proprio e con l’applicazione delle tariffe per l’uso del parcheggio antistante la struttura. Una proposta non ritenuta congrua dall’assessore al Patrimonio Paola Valentino in quanto il parcheggio, come la struttura, sono di proprieta’del Comune che, in tal modo, non avrebbe tratto vantaggi ne’ garanzie. Quindi si arresta dopo solo dieci anni la gestione dei Cesaro che, in base al Project financing, avrebbero dovuto portare a termine nell’anno 2032, anno di scadenza del mutuo e della convenzione.

Di sicuro sara’ uno strascico giudiziario a dirimere l’insorgente controversia. La struttura intanto torna al Comune che dovra’ sobbarcarsi due problemi: quello del personale per le mensilita’ arretrate ed il reperimento di altra societa’ per la gestione della struttura, dal momento che l’attivita’ non potra’ avvenire in House dall’Ente Comunale. Si spera solo in una rapida soluzione, che eviti un prolungato stop della struttura, che corre il rischio di divenire l’ennesima cattedrale nel deserto!

DONA IL TUO 5x1000