Home Cronaca Avellino, malasanità: donna muore dopo cinque interventi chirurgici

Avellino, malasanità: donna muore dopo cinque interventi chirurgici

Muore il giorno della vigilia di Natale dopo un calvario medico-chirurgico durato ben 40 giorni e cinque interventi chirurgici. Il suo doveva essere un intervento di routine che si è rivelato per la vittima fatale.  Un caso di malasanità consumato presso la Malzoni di Avellino la donna aveva 54 anni originaria di Agropoli. I familiari vogliono vederci chiaro sulle cause della morte della donna e hanno sporto denuncia contro i medici della Casa di Cura Malzoni di Avellino dove Anna Passaro è stata operata ed è rimasta per oltre un mese a causa delle complicazioni sopraggiunte in seguito all’intervento.

Il calvario della donna  inizia circa un mese e mezzo fa: la signora Anna Passaro viene ricoverata alla Casa di cura Malzoni “Villa Platani” di Avellino il 15 novembre per sottoporsi ad un intervento di isterectomia totale, l’asportazione dell’utero. L’operazione viene eseguita il giorno successivo al ricovero: è l’inizio di un lungo percorso clinico che durerà 39 lunghi giorni e culminerà con il decesso della paziente. Dopo l’intervento, infatti, sono subentrate una serie di complicazioni che hanno portato i medici a sottoporre la donna ad ulteriori quattro interventi chirurgici nel tentativo di trovare una soluzione ai problemi clinici di volta in volta emersi. Il 22 dicembre poi le due figlie  preoccupate per le condizioni della mamma, hanno deciso di trasferire la donna  all’ospedale Cardarelli di Napoli. Qui i medici che l’hanno presa in cura le hanno diagnosticato una pericardite, un’infezione al cuore a causa della quale la mattina della vigilia di Natale le sue condizioni si sono aggravate ulteriormente ed è andata in coma, morendo nel pomeriggio dello stesso giorno. Le figlie hanno deciso di sporgere denuncia ai carabinieri che su disposizione della magistratura in attesa che l’indagini chiariscano eventuali colpe.

DONA IL TUO 5x1000