Home Attualità Magnifica performance tra arte e spiritualita’ al Cimarosa

Magnifica performance tra arte e spiritualita’ al Cimarosa

Al cospetto di un folto pubblico che ha gremito la platea, ben oltre la capienza massima, si e’ svolta la prima sessione de “Le note dell’anima”, rassegna ideata da Mons. Arturo Aiello, vescovo di Avellino e sostenuta entusiasticamente dal Conservatorio Cimarosa, che l‘ha ospitata. L’esibizione e’ consistita nell’esecuzione di brani di autori del periodo barocco all’attualita’, con maestria dagli allievi della locale scuola musicale; brani intervallati da spunti di riflessione spirituale e di meditazione di S.E. il Vescovo. Riguardo ai brani musicali, si e’ partiti con Felix Mendelssohn ed il suo “Allegro per archi n.2 in re maggiore” e con Ferenc Farkas con la “Partita all’ungaresca -2 Danze; si e’ proseguito con il celebre “intermezzo” tratto dalla Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni e la melodia “Gabriel’s oboe” di Ennio Morricone, colonna sonora de celebre film “Mission”. Nel finale musica di Haendel con “Passacaglia” ed una trilogia di Astor Piazzolla con Oblivion, Melodia in la, per finire con Libertango. Tutti i brani sono stati eseguiti dai 26 giovani musicisti della scuola avellinese diretti dal maestro Roberto Maggio. Gli interventi del Vescovo che puntuali precedevano ogni brano, risultati mai noiosi ne’ banali, hanno arricchito non tanto la competenza tecnica dei brani stessi, quanto i sentimenti che essi ispirano. Evidentemente appassionato di musica, egli ha messo in correlazione le note con l’anima di tutti gli astanti, alternando sagge citazioni a puntuali riferimenti culturali. Ad esempio ha evidenziato che l’apparente inutilita’dell’arte, come puo’ essere quella di suonare melodie in una corale, e’ utile anzi indispensabile per favorire momenti di riflessione e di bellezza che i ritmi della vita odierna non ci consentono di godere. Il Vescovo si augura che la citta’ di Avellino si svegli dal torpore delle cose abituali ed apra l’anima verso le cose piu’ nobili che esistono come l’arte e la musica che ricaricano la mente e lo spirito. Visto il successo della prima uscita, siamo certi che il Cimarosa registrera’ ancor di piu’il pienone per la seconda sessione delle Note dell’anima del 14 dicembre prossimo.

DONA IL TUO 5x1000