Home Attualità Comune di Avellino, si recuperano i proventi di Asilo e Stadio

Comune di Avellino, si recuperano i proventi di Asilo e Stadio

L’assessore al Patrimonio Paola Valentino ha annunziato il recupero della struttura dell’asilo Patria e Lavoro ed annuncia un nuovo bando per l’affidamento ad un nuovo gestore unitamente al parcheggio interrato sottostante. Inoltre ella sta stringendo anche per una felice conclusione, a favore delle casse comunali, contro il Presidente Taccone per l’utilizzo dello stadio.

L’asilo Patria e Lavoro e’ stato gestito dall’U.S Acli per quattro anni e mezzo, che lo ha utilizzato a tempo pieno per attivita’ ludiche, feste e ricevimenti, ma senza corrispondere i fitti al Comune di Avellino. Il debito ammonta a 45mila euro; l’ente affittuario argomenta come pretesto che vi sarebbero state difformita’ nella struttura, ma le stesse non sono state contestate al momento dell’acquisizione.

Ne’ e’stata lasciata prima la struttura, nonostante l’invito da parte dell’Amministrazione Comunale. L’Ente di Piazza del Popolo avviera’ quindi le pratiche legali per il risarcimento delle morosita’ maturate. Inoltre per evitare che l’asilo resti una struttura vuota e inoperosa, come la casa di vetro di Piazza Kennedy, sara’ bandita subito un gara che preveda la stipula di una fideiussione per evitare di incorrere nella speculazione di soggetti morosi.

Per la questione dello stadio Partenio, dal Comune e’ stato mandato un ultimatum al presidente Taccone della US Avellino, con termine di giorni 15, per saldare le pendenze. La versione del Comune e’ la seguente: fatti i dovuti accertamenti tecnici il credito reale e’ ben diverso dalla cifra (un milione di euro) vantata dal presidente Taccone. L’U.S. Avellino deve versare tutte le annualita’ arretrate dall’anno 2009 per il fitto dello stadio (114mila euro l’anno); da queste somme va detratto l’ammontare dei lavori di ammodernamento della struttura (tappeto erboso, ripitturazione degli spalti) per circa trecentomila euro. Il saldo quindi, a detta del servizio Patrimonio, sarebbe di 810mila euro a favore del Comune a fronte dei quali Taccone avrebbe versato solo 8mila euro.

La querelle e’ delicata in quanto vi sono trattative in corso per la cessione della Societa’ Sportiva alla Italpol Vigilanza che volendo acquisire la maggioranza del pacchetto azionario dovra’ valutare l’entita’ della voce passiva da inserire in bilancio. Condividiamo il polso fermo dell’Assessore Valentino che non sottovaluta questi fondamentali passaggi che in passato, per malagestio e cattive abitudini, hanno arrecato solo danni alle casse comunali.

DONA IL TUO 5x1000