Home Dai Comuni Avellino, Teatro, parcheggi e ludopatie: tutti contro il Sindaco Foti

Avellino, Teatro, parcheggi e ludopatie: tutti contro il Sindaco Foti

Nell’ultimo consiglio comunale si e’ fatta sentire la rabbia dei parcheggiatori che hanno manifestato in modo energico per sollecitare una soluzione alla loro situazione di precarieta’. E’ trascorso un anno dal decreto di sospensione dei parcheggi negli spazi liberi e non vi e’stato alcun provvedimento di sistemazione degli ex parcheggiatori. Per alcuni di essi, ma solo per i piu’ bisognosi, era stata promessa un’utilizzazione presso Azienda Citta’ Servizi, ma finora nulla di fatto.

Il Sindaco persegue la linea di regolamentazione dei parcheggi mediante i parcometri e non ha intenzione assolutamente di recedere. Peraltro l’Inps ha fatto sapere che assunzioni temporanee non possono essere concluse per questi lavoratori.

Riguardo al Teatro il sindaco stesso e’ propenso all’esternalizzazione della gestione poiche’ questa sembra l’unica strada percorribile per tener in vita il Gesualdo. Intanto e’ stato approvato il regolamento sulle ludopatie che prevede uno stop alle nuove licenze ed una disciplina degli orari di apertura delle sale giochi. Esse potranno funzionare dalle ore 9 alle 12 al mattino e dalle ore 15 alle 22 di sera, tranne la domenica giorno in cui l’orario sara’ libero. La limitazione di orario consentira’ una fascia di rispetto in riferimento all’apertura e chiusura delle scuole. Sara’ inoltre introdotto un osservatorio permanente per il monitoraggio del fenomeno del gioco d’azzardo.

La linea del Sindaco Foti e’ stata chiara e lineare fin da principio; cio’ che non quadra e’ l’atteggiamento della “sua” maggioranza che spesso non ha votato a favore, anzi lo ha lasciato solo ed indifeso. Nel caso dell’assedio da parte dei parcheggiatori le forze dell’ordine si sono mobilitate, un presidio di una ventina di unita’ tra vigili, carabinieri e poliziotti anche esagerato che ha fatto il proprio dovere.

Ma cio’ che non torna e’ la mancata solidarieta’ da parte delle forze politiche, anche di quelle “amiche”, che denota in clima intimidatorio che guasta in un pubblico consesso che si pensa civile e democratico. Ricordiamo l’episodio del maggio scorso, all’apertura delle buste relative alla gara per la gestione de parcheggi, con tanto di minacce al Comandante dei Vigili Arvonio e che indussero la ditta di Santa Maria Capua Vetere a ritirarsi dalla gara stessa.

Foti andra’ via a maggio prossimo, tornera’ alle sue precedenti mansioni oppure andra’ in pensione, senza nessun rimpianto per la carica che ha rivestito per cinque lunghi anni. Ma un‘ Amministrazione comunale Avellino dovra’ pure averla!
Ed un partito di maggioranza (PD) cosi’ disunito ed un’opposizione cosi’ agguerrita, non solo sul piano dialettico, non fanno presagire nulla di buono per il futuro della citta’…

DONA IL TUO 5x1000