Home Sport Avellino Calcio Avellino calcio: lupi non pervenuti. Ora è crisi vera

Avellino calcio: lupi non pervenuti. Ora è crisi vera

Avellino. Incredibile al Liberati,quella che doveva essere la partita della svolta alla vigilia di un ciclo terribile che sommato alla probabile penalizzazione in arrivo per le note vicende del calcio scommesse potrebbe rispedire i lupi nelle sabbie mobili della zona calda della classifica ,ha segnato molto probabilmente l’inizio di una pericolosissima crisi che non lascia certo tranquilla l’intera tifoseria avellinese.

Affrontare uno scontro diretto contro un avversario con il sangue agli occhi  e per giunta perennemente in ritiro ,con la superficialità e la svogliatezza messe in campo oggi dagli uomini di Novellino equivale ad una vera e propria resa senza condizioni ,anzi un vero e proprio invito ai supporter biancoverdi a pensare già al prossimo campionato di lega pro.

E pensare che la squadra affrontata oggi  nelle cinque gare precedenti solo in tre occasioni aveva perforato la porta avversaria ,ma sarebbe stato una scortesia troppo grande da parte dei lupi non concedere una bella goleada anche alla Ternana otre che agli odiati cugini del Perugia capaci invece di violare la porta allora difesa da Radunovic per ben cinque volte al Partenio.

Non ci siamo ,sciogliersi come neve al sole alla prima avversità è sinonimo di una squadra stanca ma soprattutto svogliata incapace di imbastire la pur minima reazione in una fase del campionato in cui tutte le rivali per la salvezza stanno marciando a ritmi sostenuti.

La verità in conclusione è che eccezion fatta per pochissimi elementi il resto della squadra sembra un manipolo di polli pronti alla cottura .

A questo punto della stagione il tempo dei proclami è delle chiacchiere è terminato i vari Verde, Castaldo, Gavazzi,e gli altri calciatori più esperti della rosa facciano mente locale e ricomincino a sobbarcarsi di nuovo sulle proprie spalle il peso della squadra altrimenti il destino dei lupi sembra purtroppo già segnato.

 a cura di Italo Borriello

DONA IL TUO 5x1000