Home Sport Avellino Calcio Avellino-Bari 1-1: Le Pagelle: Il migliore, Bidaoui. Il peggiore, Paghera

Avellino-Bari 1-1: Le Pagelle: Il migliore, Bidaoui. Il peggiore, Paghera

Pagelle Avellino-Bari 1-1 | Questa era una gara da vincere per entrambe le formazioni, l’Avellino per allontanarsi definitivamente dalla zona rossa, ed il Bari per riavvicinare nuovamente i Playoff. Il Pareggio tendenzialmente non serviva a nessuno, tuttavia in una giornata con parecchi colpi di scena, possiamo affermare che, almeno per i Lupi è un punto che fa almeno morale.

L’Avellino si trova al 17-esimo posto con 46 punti (insieme ad Ascoli e Brescia) a più due dalla zona play-out. L’ambiente palesa una certa tranquillità, dando per scontato che l’ultima gara contro un già retrocesso Latina sarà pura accademia. Tuttavia i laziali nel pomeriggio hanno sfiorato il colpaccio a Brescia, facendosi raggiungere sull’1-1 solo al 90esimo. Oltretutto la prossima gara sarà delicatissima, si va a Salerno. I granata non avendo ormai più obbiettivi da diverse giornate, puntano alla sola possibile soddisfazione stagionale, battere i “nemici” biancoverdi.

La gara – L’Avellino dopo un primo tempo deludente, nel secondo tempo cambia atteggiamento, complice il cambio tattico che mister Novellino propone passando dal 4-4-2 al 4-2-4, molto offensivo con Bidaoui e Verde sulle fasce e Ardemagni e Castaldo avanti. La prestazione dei calciatori nel complesso delude molto. I biancoverdi appaiono molto timorosi e poco convinti nel primo tempo, si aggiunge poi la pressione scaturita dalla delicatezza della gara. I ragazzi di Novellino sono apparsi subito contratti e privi di iniziativa. Sul rettangolo di gioco i biancoverdi appaiono nervosi, su tutti Moretti, Migliorini ed Eusepi. L’unico in campo che si distingue è Bidaoui che da solo risulta troppo isolato.

Avellino-Bari 1-1: Le Pagelle

Radunovic 6: ordinaria amministrazione per il portiere dell’Avellino che come sempre è impeccabile sulle uscite. Sicuro.

Laverone 5,5: non è il solito treno sulla fascia, raramente si propone in maniera offensiva. Timoroso.

Migliorini 6: buona prestazione da parte dell’ex Juve Stabia, grazie alla sua personalità e ai suoi centimetri. Non è sua la colpa del rigore, infatti è Maniero che si lancia su di lui. Deciso.

Djimsiti 6: prestazione discreta dell’ex atalantino, annulla praticamente Maniero. Combattente.

Perrotta 5,5: soffre la velocità di Furlan e spesso si fa sorprendere dall’ex Ternana. Deconcentrato.

Lasik 5: quasi nullo nell’economia del centrocampo. Si disimpegna sia in fase offensiva che difensiva non aiutando i compagni di reparto. Opaco.

Paghera 4,5: sbaglia passaggi anche quelli più elementari, perde palle banalmente anche quelle più sanguinose, insomma sbaglia tutto quello che c’è da sbagliare. Irritante.

Moretti 5: preso da nervosismo incide pochissimo nel fulcro del centrocampo biancoverde peccando a volte anche di presunzione. Presuntuoso.

Bidaoui 6,5: è l’unico che crea scompiglio per tutta la gara alla retroguardia berese, spesso regalando palle invitanti agli attaccanti della sua squadra. Uomo in più.

Eusepi 5,5. Si preoccupa più di litigare con gli avversari che di costruire palle goal. Inconcludente.

Ardemagni 5,5: prestazione opaca del bomber ex Modena, troppo poco per essere un attaccante di razza, tirando pochissime volte nello specchio della porta avversaria. Deludente.

Castaldo 6: grazie al suo ingresso in campo dà più spinta alla squadra e in più occasioni crea scompiglio nella difesa avversaria. Carismatico.

Verde 6: la sufficienza solo per la rete, per il resto perde palle e si intestardisce con dribbling inutili. Croce e delizia.

Soumarè sv: gioca poco per essere giudicato.

Novellino 6: per la prima frazione di gioco commette errori non dando le giuste motivazioni ai calciatori che hanno disputato una brutta partita. A lui però il merito dei cambi che hanno dato una svolta alla gara, ottenendo il pareggio schierando in campo tutti gli attaccanti a disposizione. Rimedia.

DONA IL TUO 5x1000