Home Attualità Atripalda | Al Punto Pace di San Lorenzo si e’ discusso di...

Atripalda | Al Punto Pace di San Lorenzo si e’ discusso di poverta’

Atripalda  – Il programma dei festeggiamenti per San Lorenzo e’ iniziato la sera dell’8 agosto: al rito religioso della Santa Messa e’ seguito un incontro ove si e’ approfondito il tema sempre piu’ attuale della poverta’. La discussione coordinata da don Ranieri Picone, parroco di S.M. del Carmelo ed introdotta dal vice sindaco d Atripalda Anna Nazzaro, ha registrato numerosi interventi tra cui quelli del prof. La Sala, dell’ing. Silvio Aquino e del dott. Silvio Di Rienzo.

Dalle riflessioni e’ emerso che la poverta’, tornata di scottante attualita’ anche in Italia per il disagio economico sofferto da larghe fasce di popolazione per le mutate esigenze e per la perdurante crisi economica che rischia di divenire cronica. Ma poverta’ significa anche anche la situazione di disagio di cui soffre il migrante non accolto cristianamente, oppure la piaga della disoccupazione che coinvolge anziani e giovani che rischiano di finire in uno stato di prostrazione psicologica oltre che fisica. O di tutti gli esseri umani che devono sottostare ad umilianti compromessi per poter vivere.

E come ricorda Papa Francesco, nella proclamazione della I Giornata Mondiale dei Poveri, non bisogna amare con le parole bensi’ con i fatti. Tra tutti spicca l’esempio di San Francesco d’Assisi che non si accontento’ di dare l’elemosima ai lebbrosi ma ando’ a vivere con loro a Gubbio. La poverta’ deve essere un atteggiamento del cuore che impedisce di pensare al denaro, alla carriera e al lusso come scopo di vita.
A questi interrogativi il prof. La Sala, interpretando la reazione dei piu’ sensibili, ha ammesso di non saper dare risposte concrete affidando alle buone pratiche la speranza di una vita migliore. Sono seguite le testimonanze tratte dal mondo del lavoro dell’ing.Aquino che, dopo un inizio da dipendente presso aziende siderurgiche, ha intrapreso da libero professionista attivita’ di consulenza e creazione di start-up; egli rifletteva che gli Italiani hanno fatto l’errore di rinchiudersi su se stessi, per cui invitava a fare esercizio di umilta’ e spronava ad aprirsi alle realta’ internazionali perche’ il mondo cambia velocemente e chi si ferma e’ perduto!

Il vice sindaco di Atripalda, Anna Nazzaro, si mostrava sensibile alla tematica della poverta’ ricordando che il ruolo del politico, come ella vorrebbe intrepretare, deve essere quello di mettersi al servizio del sociale, a completa disposizione dei bisogni della cittadinanza e non dei propri fini egoistici. Il dott. Di Rienzo riferiva che i falsi miti della carriera, dello spreco e dell’ingordigia contribuiscono a creare il divario economico tra le classi sociali. Le riflessioni di relatori e partecipanti sono state intervallate da piacevoli brani musicali del maestro Renato Spina che ha cantato pezzi di musica napoletana.Non avra’ risolto alcun problema, ma la riunione al San Lorenzo ha certamente dettato un idoneo approccio alla piaga della poverta’

DONA IL TUO 5x1000