Home Attualità Anche ad Avellino ci sara’ un Centro Sprar

Anche ad Avellino ci sara’ un Centro Sprar

Dopo quasi un anno dalla delibera del Ministero dell’interno ad accedere ai relativi fondi anche per l’Irpinia, e’stato finalmente approvato il progetto per l’istituzione di un Centro per i rifugiati nella citta’ di Avellino. In tal modo potranno ricevere ospitalita’ cinquanta migranti che saranno alloggiati in una struttura messa a disposizione dal comune di Avellino.Tra le sedi possibili l’ex caserma della Polizia Municipale in Rione Parco oppure in un’ala del Rubilli di Contrada San Tommaso L’assessore alle politiche Sociali Teresa Mele, dopo aver ammesso i ritardi e difficolta’varie, ha con soddisfazione confermato che l’adesione e’ stata conclusa: manca la determina dirigenziale rimandata al prossimo Consiglio Comunale. Dopodiche’l’istanza di finanziamento spettera’ al Ministero dell’Interno, confidando che l’iter non subisca ulteriori rallentamenti dall’appuntamento elettorale previsto quasi certamente per il 4 marzo. Il Centro Sprar, a differenza dei Cas (Centri Accoglienza Straordinaria) ospitera’ coloro che hanno richiesto asilo, i rifugiati e i titolari di protezione umanitaria, cioe’ coloro che sono fuoriusciti dai Paesi coinvolti in guerre o sottoposti a regimi dittatoriali. Mentre per i Cas la gestione spetta alla Prefettura, il circuito Spar e’preso in carico direttamente dai Comuni che, oltre a mettere a disposizione una sede, devono concludere un accordo con una societa’locale, individuata tramite avviso pubblico, per la gestione ordinaria e la vita quotidiana dei migranti ospitati.
La documentazione relativa all’ente gestore sara’ avallata e presentata dal sindaco al Ministero dell’Interno. Il Comune approntera’ il piano economico finanziario e vigilera’sulla corretta conduzione che il soggetto prescelto andra’ ad esercitare trattenendo per se’ non oltre il 5% del finanziamento stanziato dal Governo.

DONA IL TUO 5x1000